01/04/2020

Profitto sequestrabile e reato di autoriciclaggio

Profitto sequestrabile e reato di autoriciclaggio: al fine dell’applicazione delle misure cautelari non rileva il mancato perfezionamento del reato presupposto, e nemmeno l’identificazione dell’esatta tipologia dello stesso; è invece ritenuto sufficiente il raggiungimento della prova logica della provenienza illecita delle utilità oggetto delle operazioni compiute.

In allegato :

La sentenza

Lascia un commento