07/07/2020

DECRETO LEGISLATIVO 29 ottobre 2016, n. 202 – Attuazione della direttiva 2014/42/UE relativa al congelamento e alla confisca dei beni strumentali e dei proventi da reato nell’Unione europea. (16G00216) (GU n.262 del 9-11-2016 )

Attuazione della direttiva 2014/42/UE relativa al congelamento e alla confisca dei beni strumentali e dei proventi da reato nell’Unione europea.

(16G00216) (GU n.262 del 9-11-2016 )

Note: Entrata in vigore del provvedimento: 24/11/2016

Titolo I Disposizioni generali

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto l’articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400; Vista la direttiva 2014/42/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa al congelamento e alla confisca dei beni strumentali e dei proventi da reato nell’Unione europea;

Vista la legge 7 ottobre 2014, n. 154, recante delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea –

Legge di delegazione europea 2013 secondo semestre e, in particolare, l’allegato B;

Vista la legge 24 dicembre 2012, n. 234, recante norme generali sulla partecipazione dell’Italia alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea, e successive modifiche; Visto il regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398, recante approvazione del testo definitivo del codice penale; Visto il regio decreto 16 marzo 1942, n. 262, recante approvazione del testo del codice civile;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, recante testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza;

Visto il decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356, recante modifiche urgenti al nuovo codice di procedura penale e provvedimenti di contrasto alla criminalita’ mafiosa;

Vista la legge 16 marzo 2006, n. 146, recante ratifica ed esecuzione della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale, adottati dall’Assemblea generale il 15 novembre 2000 ed il 31 maggio 2001;

Visto il decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, recante attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attivita’ criminose e di finanziamento del terrorismo nonche’ della direttiva 2006/70/CE che ne reca misure di esecuzione;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 28 luglio 2016; Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2016;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale e il Ministro dell’economia e delle finanze;

Emana il seguente decreto legislativo:

Art. 1

Oggetto

Il presente decreto attua nell’ordinamento interno le disposizioni della direttiva 2014/42/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa al congelamento e alla confisca dei beni strumentali e dei proventi da reato nell’Unione europea.

Titolo II

Disposizioni in materia di confisca

Art. 2

Modifiche al codice penale 1. Al codice penale, approvato con regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all’articolo 240, secondo comma, numero 1-bis), e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «nonche’ dei beni che ne costituiscono il profitto o il prodotto ovvero di somme di denaro, beni o altre utilita’ di cui il colpevole ha la disponibilita’ per un valore corrispondente a tale profitto o prodotto, se non e’ possibile eseguire la confisca del profitto o del prodotto diretti»; b) dopo l’articolo 466 e’ inserito il seguente: «Art. 466-bis (Confisca). – Nel caso di condanna o di applicazione di pena su richiesta delle parti, a norma dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per uno dei delitti di cui agli articoli 453, 454, 455, 460 e 461 e’ sempre ordinata la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e delle cose che ne sono il prodotto, il prezzo o il profitto, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non e’ possibile dei beni di cui il condannato ha comunque la disponibilita’, per un valore corrispondente al profitto, al prodotto o al prezzo del reato. Si applica il terzo comma dell’articolo 322-ter.».

Art. 3

Modifiche al codice civile 1. All’articolo 2635 del codice civile, approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262, e’ aggiunto in fine il seguente comma: «Fermo quanto previsto dall’articolo 2641, la misura della confisca per valore equivalente non puo’ essere Art. 4 Modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309 1.Al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all’articolo 73, dopo il comma 7 e’ aggiunto il seguente: «7-bis.Nel caso di condanna o di applicazione di pena su richiesta delle parti, a norma dell’articolo 444 del codice di procedura penale, e’ ordinata la confisca delle cose che ne sono il profitto o il prodotto, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non e’ possibile, fatta eccezione per il delitto di cui al comma 5, la confisca di beni di cui il reo ha la disponibilita’ per un valore corrispondente a tale profitto o prodotto.»; b) all’articolo 74, dopo il comma 7, e’ aggiunto il seguente: «7-bis. Nei confronti del condannato e’ ordinata la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e dei beni che ne sono il profitto o il prodotto, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non e’ possibile, la confisca di beni di cui il reo ha la disponibilita’ per un valore corrispondente a tale profitto o prodotto.». inferiore al valore delle utilita’ date o promesse.».

Art. 4

Modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309 1. Al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all’articolo 73, dopo il comma 7 e’ aggiunto il seguente: «7-bis. Nel caso di condanna o di applicazione di pena su richiesta delle parti, a norma dell’articolo 444 del codice di procedura penale, e’ ordinata la confisca delle cose che ne sono il profitto o il prodotto, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non e’ possibile, fatta eccezione per il delitto di cui al comma 5, la confisca di beni di cui il reo ha la disponibilita’ per un valore corrispondente a tale profitto o prodotto.»; b) all’articolo 74, dopo il comma 7, e’ aggiunto il seguente: «7-bis. Nei confronti del condannato e’ ordinata la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e dei beni che ne sono il profitto o il prodotto, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non e’ possibile, la confisca di beni di cui il reo ha la disponibilita’ per un valore corrispondente a tale profitto o prodotto.».

Art. 5

Modifiche al decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356. 1. Al decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all’articolo 12-sexies, comma 1, primo periodo: 1) dopo le parole: «416, realizzato allo scopo di commettere delitti previsti dagli articoli» sono inserite le seguenti: «453, 454, 455, 460, 461,»; 2) dopo le parole: «648-ter» e’ inserita la seguente: «648-ter.1»; 3) dopo le parole: «del codice penale, nonche’» sono inserite le seguenti: «dall’articolo 2635 del codice civile, dall’articolo 55, comma 9, del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231,»; b) all’articolo 12-sexies, comma 1, secondo periodo: 1) dopo le parole: «per finalita’ di terrorismo» sono inserite le seguenti: «anche internazionale»; c) all’articolo 12-sexies, comma 1, dopo il secondo periodo e’ aggiunto il seguente: «La confisca ai sensi delle disposizioni che precedono e’ ordinata in caso di condanna o di applicazione della pena per i reati di cui agli articoli 617-quinquies, 617-sexies, 635-bis, 635-ter, 635-quater, 635-quinquies quando le condotte ivi descritte riguardano tre o piu’ sistemi.».

Art. 6

Modifiche al decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 1. Al comma 9-bis dell’articolo 55 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, e’ aggiunto in fine il seguente periodo: «In caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell’articolo 444 del codice di procedura penale per il delitto di cui al comma 9 e’ ordinata la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato, nonche’ del profitto o del prodotto, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non e’ possibile, la confisca di beni, somme di denaro e altre utilita’ di cui il reo ha la disponibilita’ per un valore corrispondente a tale profitto o prodotto.».

Titolo III

Disposizioni transitorie e finali

Art. 7

Trasmissione dei dati statistici 1. Il Ministero della giustizia invia ogni anno alla Commissione europea i dati statistici relativi al: a) numero di sequestri preventivi ai sensi dell’articolo 321, comma 2, del codice di procedura penale eseguiti; b) numero di confische eseguite; c) valore stimato dei beni sottoposti a sequestro preventivo; d) valore stimato dei beni sottoposti a confisca. 2. Il Ministero della giustizia, inoltre, invia alla Commissione europea, se disponibili, i dati indicati al paragrafo 2 dell’articolo 11 della direttiva 2014/42/UE.

Art. 8

Invarianza finanziaria 1. Dall’attuazione delle disposizioni di cui al presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. 2. Le Amministrazioni interessate provvedono agli adempimenti previsti dal presente decreto con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente. Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Dato a Roma, addi’ 29 ottobre 2016 MATTARELLA Renzi, Presidente del Consiglio dei ministri Orlando, Ministro della giustizia Gentiloni Silveri, Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Padoan, Ministro dell’economia e delle finanze Visto, il Guardasigilli: Orlando

Scarica il Pdf

Lascia un commento